Riabilitazione equestre

La riabilitazione equestre consiste in un complesso di tecniche rieducative che mirano ad ottenere il superamento di un danno sensoriale, motorio, cognitivo e comportamentale attraverso l'uso del cavallo come strumento terapeutico. La riabilitazione equestre si diversifica in rapporto alle finalità ed agli obiettivi, in ippoterapia, equitazione terapeutica ed equitazione presportiva. Il mezzo terapeutico è il cavallo: non uno strumento meccanico, ma un essere vivente in grado di relazionarsi con il paziente con modalità del tutto particolari. E Le principali cause degli effetti terapeutici sono riconducibili ad alcuni elementi: il legame uomo-animale, il contatto corporeo e il rapporto che si instaura con il cavallo, sono importanti canali emozionali attraverso cui il paziente acquisisce controllo e fiducia di se stesso.

 L’importanza della riabilitazione equestre

 Disturbi alimentari e cavallo


Nel caso specifico dei disturbi del comportamento alimentare è più che mai fondamentale iniziare il contatto fisico-emotivo con l’animale sviluppando tutta la parte legata alla sensorialità, sostenuta dallo sviluppo delle emozioni empatiche attraverso un programma operativo che concentra l’attenzione soprattutto sulle attività a terra : conoscendo il suo corpo per acquisire una maggiore consapevolezza corporea perduta.

Si promuovono così attività inizialmente volte alla pulizia e all’accudimento, attraverso queste fasi si intensifica la conoscenza e si consolida la relazione non solo con l’animale ma anche con l’operatore per indirizzarlo a divenire nel tempo “figura tecnica di riferimento”. Il fatto che l’animale abbia un modo di comunicazione diverso dal nostro ci predispone ad un attento ascolto, mobilitando la nostra affettività conducendoci verso un miglioramento fisico e mentale…che ci permette di affacciarci ad un “mondo nuovo”.

Il contatto fisico con un essere senziente diverso da noi è incisivo nel caso dei disturbi del comportamento alimentare perché attraverso nuove sensazioni e percezioni si possono ritrovare cose abbandonate e scoprirne delle nuove. Anche l’alimentazione del cavallo, diventa in questo contesto un utile strumento educativo di aiuto per il superamento di un limite psicologico e per la ri-educazione alle basilari regole alimentari. E’ indispensabile costruire passo dopo passo una relazione motivante e motivata che riattivi quelle risorse, messe in disparte, e riscoprirsi “nuovi”, cresciuti, avendo acquisito nuove competenze spendibili nella vita quotidiana scoprendo che oggi, attraverso il sostegno del cavallo, ne potremo uscire migliori di ciò che eravamo ieri.

Il cavallo e le attività mediate dalla sua presenza possono ricoprire un ruolo fondamentale nel recupero di soggetti caratterizzati da patologie inerenti i disturbi del comportamento alimentare: è opportuno però sottolineare che questi interventi devono essere considerati come co-terapie sempre promosse sotto la supervisione di medici specialisti (che diano il loro parere favorevole alle attività e ne monitorino l’evoluzione con regolarità) ed alla presenza di personale qualificato.

La riabilitazione equestre
Ippoterapia Toscana Equitazione
Share by: